Entra nell' Area Riservata

PROGETTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE

PROGETTO EDUCAZIONE AMBIENTALE

Cridea

Il Progetto biennale “Il paesaggio e i segni dell’uomo”

si basa sulla stretta collaborazione con soggetti del territorio

quali il Comune, il Laboratorio di Scienze della Terra di

Spoleto, Legambiente, VUS, la Comunità Montana, il laboratorio

di Scienze Sperimentali di Foligno. Esso pone come finalità

la conoscenza e la corretta gestione del territorio-paesaggio

da parte dei bambini affinché maturino una conoscienza

critica ed esercitino una cittadinanza attiva in tal senso.

 

 

Pollen

  il progetto, che prevede la costruzione di “Città germoglio della scienza”, rappresenta  

un approccio comunitario per la crescita sostenibile dell’educazione scientifica in Europa.

Per questo terzo anno di attuazione prevede un lavoro conclusivo di documantazione

di tutto il percorso triennale.

  

c) “Piano Insegnare Scienze Sperimentali”

 il Progetto mira a diffondere il metodo laboratoriale/scientifico e a far sperimentare percorsi con sviluppo verticale nei quali le esperienzescientifiche siano strutturate in vista della costruzione del curricolo formativo.

 

 

Progetto “Acqua e non solo…”

 Teso a valorizzare una risorsa del territorio dove è ubicata la Scuola Primaria di Pissignano quale è l’acqua delle Fonti del Clitunno, il progetto si concretizza attraverso un curricolo verticale incentrato sulla metodologia sperimentale e sull’allestimento di laboratori permanenti.

 

Scheda documentazione dei progetti

Dati generali

Istituto/Plesso

PROGETTO DI CIRCOLO

Primarie di Beroide, Campello, Cortaccione, San Giacomo, Pissignano, XX Settembre

Infanzia di Eggi-Cortaccione, San Giacomo

Classe/Sezione

Aderiscono numerose classi e tutte le sezioni dei plessi suindicati

Docenti

Referente: Spitelli Gianna

Docenti delle classi coinvolte

Caratteristiche della proposta didattica

Titolo

“PASSEGGIANDO NELLA VERDE UMBRIA…..” – La scuola per la Greenway spoletana

Descrizione del progetto e relative finalità

Il progetto, co-progettato con il Comune di Spoleto è incentrato sulla pista ciclabile vista come corridoio ecologico nella Valle Umbra tra Spoleto e Perugia che favorisce lo spostamento di specie animali da un’area protetta all’altra.

Il coinvolgimento della scuola e degli alunni consentirebbe indirettamente la partecipazione delle famiglie e della cittadinanza ad un progetto più ampio che potenzi lo sviluppo turistico-economico-ambientale.

Attività/Risultati

Dal punto di vista didattico, il progetto offrirà ai bambini l’opportunità di conseguire obiettivi fondamentali per un cittadino attivo e consapevole in riferimento all’acquisizione di :

-conoscenze relative ad ambiti disciplinari specifici

-competenze sociali (assunzione di comportamenti di rispetto, di tutela e valorizzazione dell’ambiente…

-competenze trasversali (capacità di transfert, connessioni multidisciplinari…)

Attività collaborative in atto

Il progetto prevede la visita e la collaborazione degli esperti dei Centri di Educazione Ambientale che hanno coprogettato

Tempo di svolgimento previsto

Anno scolastico 2012/2013

Fasi del progetto

Fase 1 (novembre-dicembre): progettazione dettagliata anche con gli esperti del Comune di Spoleto, condivisione degli obiettivi, presentazione del progetto agli alunni e primi incontri con gli esperti dei CEA.

Fase 2 (gennaio-febbraio): uscite sul territorio volte, in particolar modo, alla realizzazione dell’itinerario di collegamento tra le scuole del Circolo e la Greenway; laboratori in aula condotti degli esperti CEA.

Fase 3 (marzo-aprile): uscite didattiche presso i CEA.

Fase 4 ( marzo-maggio): realizzazione del materiale che sarà oggetto della pubblicazione e della cartellonistica da apporre sull’itinerario individuato durante la precedente fase.

Fase 5 (giugno): presentazione del progetto alla cittadinanza ed all’amministrazione comunale.

 

Indicazione della metodologia adottata

La metodologia sarà prettamente laboratoriale, incentrata soprattutto sul “fare”; infatti soltanto nel momento in cui gli alunni sono coinvolti fattivamente e percepiscono che attraverso il loro contributo possono realmente fare la differenza, danno il loro meglio partecipando attivamente e con attenzione al lavoro di gruppo. Si baserà su attività di braimstorming, di ipotesi iniziali e di preparazione di lavori e/o di osservazioni in classe, per poi proseguire sul campo con l’osservazione diretta, la sperimentazione, la raccolta di campioni, la documentazione grafica e fotografica; seguiranno nel laboratorio di aula la catalogazione, la raccolta e l’analisi dei dati. Quindi verranno elaborati materiali individuali e/o di gruppo che costituiranno oggetto di studio e soprattutto saranno utilizzati per i prodotti finali.

 

Raccordi multidisciplinari

Italiano, Storia, Geografia, Arte e immagine, Tecnologia e Informatica….

Risorse utilizzate

Esperti dei Centri di Educazione Ambientale

Docenti di classe

Valutazione complessiva dell'esperienza ed eventuali riflessione

I vari percorsi che hanno caratterizzato il progetto hanno sicuramente potenziato i principali comportamenti che ci si attendeva dagli alunni, sia durante il percorso che al termine dello stesso, volti al rispetto,   alla tutela ed alla valorizzazione del territorio:

- senso di appartenenza alla comunità ed al territorio in cui i bambini vivono

- azioni di tutela dell’ambiente

- riconoscimento e valorizzazione degli elementi che caratterizzano il territorio attraverso una sua lettura multidisciplinare

- assunzione di comportamenti responsabili

- contributo attivo alla valorizzazione del territorio dal punto di vista turistico-promozionale.